“Dark Tranquillity”: La Scienza Del Rumore a Roma

Written by on April 29, 2018

DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR

Live @ Largo Venue, Roma

martedì 24 aprile 2018

 

Live Report

La calda brezza estiva comincia a farsi sentire, come la voglia di uscire e divertirsi e magari, perché no, assistere ad uno dei concerti tanto attesi dai fan romani: parliamo dei Dark Tranquillity! In tanti sono accorsi al Largo Venue (Roma) per assistere alla prima delle tre tappe italiane (25 aprile ‘Trezzo sull’Adda’, 26 aprile ‘Bologna’) di questa band svedese che, con il loro Melodic Death Metal, riescono a portare una ventata d’aria fresca nella capitale! Ad accompagnarli sono i Miracle Flair con il loro ardente symphonic metal, i roventi Black Therapy e i tanto stimati Equilibrium, la folk metal band tedesca che negli ultimi anni sta facendo ballare il mondo!

MIRACLE FLAIR

La serata comincia in perfetto orario! Salgono sul palco i Miracle Flair, capitanati dalla bellissima Nicole Hartmann, che con estrema eleganza riempiono la sala con il loro energetico symphonic metal; basta davvero poco per attirare il pubblico a sé! Introducono il loro show con la loro magnifica “Still Remaining Part” e inutile descrivere l’entusiasmo del pubblico nel sentire tali sonorità, introdotte da questa infuocata band e da una frontwoman di egregia eleganza. Arrivano applausi e cori alla fine di pezzi come “Challenge My Faith” e “Angels Cast Shadows”; una bomba di energia buttata nel Largo Venue e lasciata esplodere senza timor alcuno! Il quartetto svizzero ha dato il meglio di se, lasciando ai fan un ottimo ricordo di questa serata.

MIRACLE FLAIR setlist:

  • Still Remaining Part
  • The Whole
  • Challenge My Faith
  • Embracing the End
  • Angels Cast Shadows
  • Worth the Fight
  • The Unfulfilled

MIRACLE FLAIR line up:

  • Nicole Hartmann (vocals)
  • Daniele Maurizi (guitars)
  • Cèdric Bron (drums)
  • Jonas Luscher (bass)

BLACK THERAPY

E cosa dire riguardo alla comparsa sul palco dei Black Therapy? Assolutamente stupenda! I fan che li conoscono da tempo erano in visibile stato di euforia, mentre i giovincelli alle prime armi non hanno impiegato molto tempo ad innamorarsi dell’adrenalina iniettata da questa famelica band. Il terremoto scatenato dagli scream di Giuseppe accompagnano alla perfezione i possenti riff di Andrea e Davide, che solcano il terreno per le ritmiche ardenti di Luca e il basso strisciante di Lorenzo; pezzi come “The Final Outcome” e “Voices In My Head” portano il pubblico ad un livello altissimo di esaltazione, scatenando nella sala un groove assolutamente gagliardo! Non ci sono parole per descrivere il calore dimostrato da questa band che, di tanto in tanto, scambiava qualche parola con il pubblico ormai in estrema gioia. Concludono la loro magnifica esibizione con “Mad World” degli storici Tears For Fears, rivisitata in maniera esemplare, degna del metal più graffiante. La serata è ormai ad un ottima temperatura, grazie a questi giovani mostri!

BLACK THERAPY setlist:

  • Intro
  • In The Embrace of Sorrow, i Smile
  • The Final Outcome
  • Stabbed
  • Voices In My Head
  • She, The Weapon
  • Mad World (Tears For Fears cover)

BLACK THERAPY line up:

  • Giuseppe Di Giorgio (vocals)
  • Lorenzo Carlini (bass)
  • Andrea Mataloni (guitar)
  • Davide Celletti (guitar)
  • Luca Marini (drums)

EQUILIBRIUM

Ed è qui che comincia il vero e pesante devasto totale! Arrivano sul palco i tedeschi Equilibrium, trascinandosi dietro il loro Folk Metal; Passano pochi minuti e la gente sembra già aver dimenticato come si uscisse dal locale, dato che stava straripando di acclamanti fan senza alcuna voglia di perdersi nemmeno una nota di queste leggende del folk europeo. Il frontman Robse si rivela, oltre che a un ottimo cantante, anche un ottima persona, con indiscutibile umiltà e altamente scherzoso con il suo pubblico: ringrazia più volte per tutta l’euforia dimostrata dai fan, elogiando il vino italiano e il sesso della nostra nazione; continuamente riesce a prendere il pubblico e tenerlo in pugno, mostrandosi non solamente sul palco come una celebrità, bensì anche come parte del pubblico stesso. Un ora di puro divertimento e voglia di muoversi, wall of death e circle pit, procurati da una band che sembra non averne e darne mai abbastanza: non per niente, giorno dopo giorno, continuano a conquistare il cuore di tantissimi fan, dando vita ad una vera e propria legione di metallari incalliti, vogliosi di headbangare di fronte a tale maestosità!

EQUILIBRIUM setlist:

  • Prey
  • Heimat
  • Waldschrein
  • Verbrannte Erde
  • Blut im Auge
  • Dammerung
  • Unbesiegt
  • Apokalypse
  • Born To Be Epic

EQUILIBRIUM line up:

  • Robse (vocals)
  • Renè Berthiaume (guitar)
  • Hati (drums)
  • Dom R. Crey (guitar)
  • Makki (bass)

DARK TRANQUILLITY

Sono passate tre ore intense, alternate da gruppi con un eccellente carica sonora, ma è arrivato il momento VERO della serata, quello che tutti stavano aspettando da troppo tempo: Dark Tranquillity on the stage! Inutile descrivere il calore e l’affetto del pubblico dimostrato una volta salita la band al completo sul palco, ma il vero entusiasmo cresce a dismisura quando ad entrare (per ultimo) è il frontman Mikael Stanne! Alza la mano per salutare il pubblico romano, ma comprende immediatamente quanto i suoi fan abbiano incessante bisogno dei suoi scream, ed è proprio in quel momento che taglia a corto introducendo la soventissima “Encircled”, facendo letteralmente impazzire gli accorsi a questo spettacolo. Tra un pezzo e l’altro Mikael interagisce elegantemente con il pubblico, mostrando la sua meravigliosa umiltà e la sua infinita bontà, inserendosi spesso tra la folla e dando il microfono a qualche fan per cantare con lui! Gesti che disegnano il quadro perfetto di una calorosa serata, nella quale domina il cuore, i sentimenti e la gioia. Ecco che arriva sul palco una bandiera, lanciata da un fan, che Mikael mostra orgoglioso al pubblico: metà svedese, metà italiana, con il logo della band centrale, un gesto che riempie di gioia la band, mostrandosi ancora più carica e pronta a dare al loro pubblico ciò che vogliono! “Clearing Skies”, “Forward Momentum”, “Atoma”, “Terminus”, non esiste un pezzo in cui gli spettatori riescano a stare fermi, in questo piccolo ma stracolmo angolo di paradiso chiamato Largo Venue. Credetemi, questa band ha una grinta priva di eguali, e per chi non li avesse ancora visti dal vivo, fatelo il prima possibile, perché ho visto gente venire solamente per curiosità e andarsene con un sorriso meraviglioso stampato sul viso, impazienti di fare foto e farsi fare autografi da questi potenti ragazzi svedesi!

DARK TRANQUILLITY setlist:

  • Encircled
  • Monochromatic Stains
  • Clearing Skies
  • The Treason Wall
  • The Science of Noise
  • Forward Momentum
  • The Mundane and the Magic
  • Final Resistance
  • Atoma
  • Force of Hand
  • Ichiper
  • Terminus (Where Death Is Most Alive)
  • Inside the Particle Storm
  • The Wonders at Your Feet
  • When the World Screams
  • Thereln
  • State of Trust
  • Lost to Apathy
  • Misery’s Crown

DARK TRANQUILLITY line up:

  • Mikael Stanne (vocals)
  • Anders Jivarp (drum)
  • Niklas Sundin (guitar)
  • Christopher Amott (guitar)
  • Martin Brandstrom (keyboards)
  • Anders Iwers (bass)

 

{{title}} {{title}}


Reader's opinions

Leave a Reply


[There are no radio stations in the database]