CRASHDIET – LA LEGGE DELLO SLEAZE ROCK – 25/04/2018

Written by on May 1, 2018

Share on

LIVE REPORT – CRASHDIET + NASTYVILLE

25-04-2018 – Legend Club Milano

25 Aprile festa della liberazione d’Italia, è una splendida giornata di sole ideale per andare a fare il bagno, una bella grigliata, o una gita in montagna per staccare dalla solita routine, ma per concludere la giornata cosa c’è di meglio di un concerto rock? La risposta la troviamo al Legend Club dove stasera si esibiranno i fantastici CRASHDIET per un unica data. Verso sera l’accogliente area verde esterna comincia a pullulare di capelli tinti, minigonne, calze a rete, leggings ecc. tipico abbigliamento del pubblico in particolare femminile amante del glam rock. Quando apre il locale c’è già parecchia gente, i fans più accaniti si piazzano subito in transenna mentre il resto del pubblico ancora sotto effetto relax della “liberazione”, si accomoda sui divanetti o osserva il merchandise.

NASTYVILLE

come band di apertura abbiamo i nostrani NASTYVILLE, band glam rock omegnese forte della pubblicazione del secondo lavoro “Glam Caramel” pubblicato l’anno scorso, prendendo posizione sul palco vengono accolti calorosamente dal pubblico numeroso e senza indugi partono in quarta con “Can’t Stop The Nite” spezzando la lunga attesa e dando immediatamente una scossa grazie al loro rock energico. Le chitarre di David Wildchild e Manu-Hell fanno scintille, mentre al basso purtroppo non è presente Paul Cannibal a causa di un infortunio, a sostituirlo abbiamo l’affascinante Elena Scanabessi la quale avendo suonato con kissexy (Kiss tribute), Ready Or Not (Europe Tribute) Bad Reputation e Shana, si dimostra un’ottima sostituta di grande esperienza, Mark è un frontman di alto livello molto interattivo e visibilmente felice ed emozionato, emozione che non gli gioca affatto brutti scherzi anzi gli conferisce ancora più grinta, pezzo dopo pezzo dà lustro alle corde vocali con voce potente e grandi acuti, infine Danni Boy è il motore propulsore che conferisce a tutti i pezzi una marcia in più facendo tremare piatti e pelli. Complessivamente hanno una forte tenuta di palco suonando con grinta, passione e grande sinergia, trasmettendo entusiasmo al pubblico che risponde positivamente, il repertorio logicamente è incentrato sul nuovo “Glam Caramel” tranne gli ultimi due pezzi “Camel Toe” e “American Dead” estratti dal primo disco “VIVA HELL-A” del 2015. Con i quali concludono una performance di alto calibro coronata dallo stage diving di Mark sulla folla, ripagati con copiosi applausi i Nastyville possono lasciare lo stage a testa alta per aver spianato la strada ai tanto attesi headliner.

LINE-UP:
Mark Evil Lee – Voice
David Wildchild – Guitar
Manu-Hell – Guitar
Paul Cannibal – Bass
Danny Boy – Drums

SETLIST:
1 – Can’t Stop The Nite
2 – Nerd Superfly
3 – Big Band Theory
4 – Lady Boy
5 – Sert-Control
6 – Macho Girl
7 – Star Whore
8 – Camel Toe
9 – American Dead

CRASHDIET

Dopo il riscaldamento ad opera dei Nastyville il pubblico è pronto ad accogliere i loro beniamini, le luci si spengono e i mitici CHRASDIET entrano in scena irrompendo con “Tikket”, il pubblico su scatena immediatamente dando sfogo alla voglia di rivederli accumulata in tre anni di attesa dall’ultima esibizione. Il quartetto di Stoccolma è in grande forma, pezzo dopo pezzo la loro energia aumenta in proporzione all’entusiasmo del pubblico, soprattutto da parte di quello femminile in adorazione. Martin spara riff ed assoli con grande tenacia, affiancato dal massiccio Peter al basso che solidifica la ritmica, mentre nell’oscurità del piccolo stage rimbombano i colpi di piatti e pelli da parte del formidabile Eric. Riguardo alle new entry alla voce, il giovane Gabriel Keyes dimostra una buona tenuta di palco dinamica e interattiva, ma la sua prestazione vocale deve ancora maturare rispetto al suo predecessore Simon Cruz, comunque da parte sua l’impegno e la determinazione non mancano, quindi diamogli il tempo di crescere e migliorare com’è giusto che sia. In attesa del nuovo album eseguono il singolo “We Are The Legion” del 2017, estraendo poi vari classici come “Queen Obscene”, “Down With The Dust” “XTC Overdrive” e altri, mentre “It’s A Miracle” e “Beautiful Pain” sono gli unici pezzi lenti di puro ascolto e raccoglimento. Dopo una breve pausa tornano alla ribalta con “Breakin’ The Chainz” dopodiché intrattengono i fans con una blues jam agganciando la cover dei Guns’n’Roses “Use The Love Her”, onestamente è stata l’unica pecca dello show perché non era assolutamente nelle corde di Gabriel, potevano tranquillamente fare un altro pezzo loro. In seguito con “Generation Wilde” terminano un’esibizione fantastica che ha fatto cantare ed esaltare i fans che urlando e applaudendo salutano i Crashdiet che si ritirano nel backstage, rimaniamo in attesa del nuovo album e speriamo che ritornino presto.

È stata una serata di grande divertimento targata HUB music Factory e BA City Factory che ringraziamo assieme allo staff del Legend Club, complimenti alle band che hanno dato il massimo per emozionarci e farci divertire riuscendoci alla grande. Alla prossima!

LINE-UP:
Gabriel Keyes – Lead Vocals
Martin Sweet – Guitar
Peter London – Bass
Eric Young – Drums

SETLIST:
1 – Tikket
2 – Riot In Everyone
3 – Queen Obscene
4 – Falling Rain
5 – Chemical
6 – It’s A Miracle
7 – Die Another Day
8 – We Are The Legion
9 – Down With The Dust

Encore:
10 – Breakin’ The Chainz
11 – Blues Jam / Used To Love Her (Guns ‘N’Roses cover)
12 – Cocaine Cowboys
13 – Beautiful Pain
14 – XTC Overdrive
15 – Generation Wild


Share on

Reader's opinions

Leave a Reply


Current track
TITLE
ARTIST