FRONTIERS ROCK FESTIVAL VI DAY 1 – LIVE REPORT

Written by on May 1, 2019

Share on

ALAN PARSONS + THE DEFIANTS + HARDLINE + TEN + JEFF SCOTT SOTO + AIRRACE + CREYE
live @ Live Music Club, Trezzo sull’Adda (MI)
– sabato 27 aprile 2019 –

Live Report by Mike Bertoli (DjMike)

Gallerie fotografiche a cura di Luna La Chimia

Si ringrazia: Frontiers Music srlTruck Me HardLive Music Club

A distanza di un anno, tornare al Live Music Club per il Frontiers Rock Festival mi da grande energia. Fin dalle prime luci dell’alba inizio a sentire quel sapore di grande Festival che si sta avvicinando. Finalmente sabato 27 Aprile 2019 è arrivato, si parte per Trezzo, destinazione Live Music Club!!! Quello che ci aspetta è un weekend all’insegna dell’AOR, dell’Hard Rock e molto altro. Un evento targato Frontiers Music e Truck Me Hard.

CREYE

Aprono la due giorni del FRF i CREYE, giovane band che propone un AOR senza troppe pretese. Il pubblico, già molto numeroso, gradisce i brani proposti dai ragazzi e applaude. La breve apparizione, appena trenta minuti, non lascia spazio per un giudizio completo sulla band, ma posso dire che la loro musica resta in testa quasi al primo ascolto. Se riusciranno a trovare un sound più personale potrebbero diventare una band interessante.

SetList:

  1. Intro
  2. Nothing to Lose
  3. Christina
  4. Miracle
  5. Straight to The Top
  6. Never too Late
  7. Different State of Mind
  8. Holding On

CREYE LineUp:

  • August Rauer – Vocals
  • Andreas Gullstrand – Lead Guitar
  • Fredrik Joakimsson – Rythm Guitar 
  • Gustaf Örsta – Bass
  • Joel Selsfors – Keyboards 
  • Arvid Filipsson – Drums

foto: Luna La Chimia

AIRRACE

Arrivano gli AIRRACE sul palco del Live Club e il sound non cambia di molto, anzi genere e presenza restano quasi immutati, rispetto alla band precedente, pur essendo un gruppo composto da musicisti più maturi. La scaletta risulta abbastanza monotona nel suo svolgersi, pezzo dopo pezzo. Direi che manca quel qualcosa in più per far decollare davvero la prestazione degli AIRRACE. Comunque l’impatto sul pubblico è buono e avendo un frontman come Adam, molto bravo e che prende di petto la situazione, tutto risulta più gradevole. Anche la loro esibizione è di giusto trenta minuti, come prima, troppo breve per un giudizio completo.

SetList:

  1. I don’t Care
  2. Eyes Like Ice
  3. New Skin
  4. Not Really Me
  5. First One Over The Line
  6. Summer Rain
  7. Running Out of Time
  8. Different But The Same
  9. Brief Encounter

AIRRACE LineUp:

  • Adam Payne – Vocals
  • Laurie Mansworth – Guitar
  • Rocky Newton – Bass
  • Dhani Mansworth– Drums 
  • Linda Kelsey Foster– Keyboards

foto: Luna La Chimia

JEFF SCOTT SOTO

Arriva JEFF SCOTT SOTO e tutto cambia, si inizia a fare sul serio. La band ha una sua personalità, non poteva essere altrimenti. Siamo davanti a una delle voci e delle band più rinomate nell’ambito dell’AOR e dell’Hard Rock. Jeff e soci divorano il palco del Live Club senza nessun problema. La presenza scenica è ottima e il sound è riconoscibile fin dalla prima nota. L’energia che i pezzi sparano sul pubblico, uno dopo l’altro, è una bomba. I ritmi sono più serrati e la platea, ormai già gremita, tributa grandi applausi. Jeff è sempre un grande. Quasi alla fine del set problemi tecnici per il chitarrista durante “I’ll Be Waiting”, ma Jeff da grandissimo frontman, improvvisa con il pubblico facendoci cantare tutti insieme e poi chiama sul palco il cantante degli Animal Drive, altra grandissima voce, per il pezzo di chiusura “Stand Up” e lo spettacolo esplode in un turbinio di voci e riff hard n heavy potentissimi. 

SetList:

  1. Drowning
  2. 21st Century
  3. Believe in Me
  4. Look Inside Your Heart
  5. Eyes Of Love
  6. Soul Divine
  7. Our Song
  8. Holding On
  9. I’ll Be Waiting
  10. Stand Up

JEFF SCOTT SOTO LineUp:

  • Jeff Scott Soto – Vocals
  • BJ – Bass

foto: Luna La Chimia

TEN

Sale sul palco del Live Club la super band TEN e il livello sale ancora. Si inizia a parlare la mia lingua con un bell’Hard n Heavy fatto benissimo. I ritmi si innalzano ancora per il piacere del sottoscritto e anche di tutti gli altri. Gary tiene in pugno la folla con la sua grande personalità innata di frontman. La performance della band è eccezionale. Alla fine però con il susseguirsi dei brani, la morsa iniziale, che aveva dato un qualcosa in più, va dissolvendosi per lasciare spazio ad un senso di ripetizione. Però c’è Gary che comunque coinvolge e sa tenere una platea. Alla fine, buona prestazione live e ottima presenza scenica da parte di tutti i musicisti.

SetList:

  1. The Robe
  2. Sheild Wall
  3. Spellbound
  4. Gunrunning
  5. Ten Fathoms Deep
  6. After The Love Is Gone
  7. Jekyll & Hyde
  8. Red
  9. The Name Of The Road

TEN LineUp:

  • Gary Hughes – Vocals
  • Dann Rosingana – Lead Guitars
  • Steve Grocott – Lead Guitars
  • John Halliwell – Rhythm Guitars
  • Darrel Treece-Birch – Keyboards
  • Steve McKenna – Bass
  • Max Yates – Drums

foto: Luna La Chimia

HARDLINE

Arriva il momento degli HARDLINE, band dove milita Johnny Gioeli, voce molto nota nell’ambito AOR della Frontiers Music. Il cantante è stato accompagnato da artisti italiani di tutto rispetto, fra i quali l’ormai onnipresente Alessandro Del Vecchio. Questa formazione è sicuramente una delle più apprezzate dell’intera giornata. La dinamicità dei musicisti sul palco rende la sessione live molto piacevole. Anna, al basso, riesce a dare delle belle frustate ad ogni pezzo, ed insieme a Marco, alla batteria, compongono una sezione ritmica bella compatta. La sorpresa, per molti, ma non per tutti, è vedere Deen Castronovo prendere il posto di Marco, alla batteria, per alcuni brani, a partire da “Life’s a Bitch”. L’impatto dell’intera band cambia totalmente, Deen picchia duro e il risultato è un sound rinnovato, più fresco e diretto. La prestazione live della band è ottima, fanno divertire e il tempo passa velocemente quando ti diverti. Bravi.

SetList:

  1. Place to Call Home
  2. Taking Me Down
  3. Doctor Love
  4. Take a Chance
  5. Where Will We Go
  6. Page of Your Life
  7. Life’s a Bitch
  8. Hands of Time
  9. Love is Gonna Take You Home
  10. Everything
  11. Hot Cherie
  12. Fever Dreams
  13. Rhythm From a Red Card

HARDLINE LineUp:

  • Johnny Gioeli – Vocals
  • Alessandro Del Vecchio – Keyboards
  • Mario Percudani – Guitars
  • Anna Portalupi – Bass
  • Marco Di Salvia – Drums
  • Deen Castronovo – Drums

foto: Luna La Chimia

THE DEFIANTS

Ecco un altra nota positiva in una prima giornata abbastanza sgonfia. THE DEFIANTS, band creata da Bruno Ravel, leader dei Danger Danger, storica band hair metal americana. Il sound risulta molto compatto e i brani filano via lisci. Paul è una scelta azzeccata come frontman, è grintoso e sa muoversi molto bene sul palco, riuscendo a far presa fin da subito sulla platea. Bruno, al basso, non ha bisogno di presentazioni. Personaggio storico che mangia i palchi da una vita, un mito, che insieme a Van, alla batteria, danno vita a una base ritmica micidiale. Rob, alla chitarra, macina riff come se non ci fosse un domani, insieme a soli molto belli. Band che si fa ascoltare piacevolmente e che da una bella carica vedendola dal vivo. Ottima prestazione!!!

SetList:

  1. Love Bullets
  2. Still Kick-Wan
  3. Waiting On Heartbreak
  4. DDW
  5. I X’D My Heart
  6. Dorianna
  7. Don’t Break My Heart (Acustic)
  8. Think
  9. Goin goin
  10. Don’t Blame It
  11. Runaway 
  12. Take Me Back
  13. Beat Bullit

THE DEFIANTS LineUp:

  • Paul Laine – Vocals
  • Bruno Ravel – Bass
  • Rob Marcello – Guitar
  • Van Romaine – Drums

foto: Luna La Chimia

ALAN PARSONS

È il turno della band HeadLiner della prima serata del Frontiers Rock Festival, sale sul palco ALAN PARSONS con i suoi straordinari musicisti. Devo dire che in un festival Rock avere un gruppo di chiusura che si aggira più sul Pop non è il massimo, però è stata una vera goduria per chi è venuto appositamente per lui. La potremmo definire a tutti gli effetti una super band, musicisti strepitosi, e grandi atmosfere di vario genere, emozioni a non finire e una scaletta che ha infuocato gli appassionati del genere. Un appunto in particolare va fatto per il chitarrista solista Jeff Kollman, che si erige a miglior chitarrista della prima giornata. Soli spettacolari e fatti con grande gusto, tecnica immensa su tutti i fronti, è stato un piacere vederlo suonare.

SetList:

  1. One Note Symphony
  2. Damned If I Do
  3. Don’t Answer Me
  4. Time
  5. Breakdown Raven
  6. I wouldn’t Want To Be Like You
  7. Miracle
  8. Don’t Let It Show
  9. Limelight
  10. As Lights Fall
  11. Standing On Higher Ground
  12. I Can’t Get There From Here
  13. Prime Time
  14. Serious/Eye In The Sky
  15. Dr. Tarr and Prof. Fether
  16. Games People Play

ALAN PARSONS LineUp:

  • Alan ParsonsVocals/Guitar
  • P.J. Olsson – Vocals
  • Danny Thompson – Drums
  • Guy Erez – Bass
  • Tom Brooks – Keyboards
  • Todd Cooper – Saxophone/Vocals
  • Dan Tracey – Guitar/Backing Vocals
  • Jeff Kollman – Lead Guitar/Vocals

foto: Luna La Chimia


Share on

Current track

Title

Artist