SYMPHONY X – Melodie infinite all’Alcatraz

Written by on May 23, 2019

Share on

SYMPHONY X + SAVAGE MESSIAH
live @ Alcatraz, Milano
– martedi 14 maggio 2019 –

Live Report by Mike Bertoli (DjMike)

Gallerie fotografiche a cura di Luna La Chimia

Si ringrazia: Nuclear BlastNeecee AgencyAlcatrazVertigo Hard Sound

Giornata di sole, ma molto fresca, quella che ci accoglie a Milano per un evento che chi si è perso dovrebbe mangiarsi le mani. SYMPHONY X e SAVAGE MESSIAH sono pronti a dare spettacolo, ed è proprio quello che ci hanno donato, un grandissimo spettacolo!!!

SAVAGE MESSIAH

Alle 20:00 precise salgono sul palco dell’Alcatraz i SAVAGE MESSIAH, band inglese che è fresca di uscita del nuovo album “Demons”. Avendo già visto questi ragazzi due anni fa al Colony nel 2017, sapevo cosa aspettarmi, ma la stragrande maggioranza del pubblico non se li era mai trovati davanti e sono rimasti molto sorpresi e colpiti. Dave, chitarra e voce, in effetti sorprende anche me, parla con noi in italiano fluente e questo da ancora più energia alla prestazione live della band. Singolare, ma efficace, la scelta di proporre dal vivo praticamente solo brani tratti dal nuovo album. Infatti si parte con la opener track “Virtue Signal”, brano potente e d’impatto perfetto per far capire subito il valore del gruppo. La sezione ritmica risulta subito molto compatta, anche se i suoni non sono il top, come capita sempre alle band di apertura. Charly, alla batteria, e Míra, al basso, sono una cosa sola e tengono alto il senso di unione perfetta. Si prosegue con “Heretic in the Modern World”, “The Bitter Truth”, potenza allo stato puro che fa saltare e acclamare tutti i presenti. La voce di Dave, molto melodica, ma anche graffiante quando serve, trascina ogni singola persona nel mondo dei SAVAGE MESSIAH. Lui e David con le chitarre creano quel muro di suono che, soprattutto nel finale con il migliorare dei suoni, da potenza e grande spinta alla band. Carlos, alle tastiere, contorna il tutto con calore e gusto infinito. La scaletta prosegue, divertente e veloce, fino ad arrivare all’unico brano suonato non facente parte di “Demons”, “The Fateful Dark”, super pezzo tratto dall’omonimo album, che precede la conclusiva “Down and Out”, che ancora una volta porta tutta la platea a saltare. Ottima chiusura e ottima prestazione per i SAVAGE MESSIAH. Da rivedere assolutamente!!!

SetList:

  1. Virtue Signal
  2. Heretic in the Modern World
  3. The Bitter Truth
  4. The Lights Are Going Out
  5. Under No Illusions
  6. What Dreams May Come
  7. Parachute
  8. The Fateful Dark
  9. Down and Out

SAVAGE MEASSIAH LineUp:

  • Dave Silver – Lead Vocals, Guitars
  • David Pear – Guitars
  • Charly Carretón – Drums
  • Míra Sláma – Bass
  • Carlos Alcalde de Lema – Keyboards

foto: Luna La Chimia

SYMPHONY X

Dopo una breve pausa si abbassano le luci e parte l’intro che preannuncia l’arrivo on stage dei mitici SYMPHONY X, band che mancava sui palchi italiani da diversi anni. Si parte subito fortissimo con la title track dell’album del 2011 “Iconoclast”, brano complesso e monumentale che mette in chiaro la forma e la voglia della band di spaccare. Esplosione del pubblico per la salita di Russell sul palco, che non appena apre bocca possiamo capire la grande forma vocale e fisica in cui il cantante si trova. È lui che esalta ogni pezzo, con grande interpretazione e una tenuta di palco invidiabile da chiunque. Si continua con “Evolution (The Grand Design)”, super brano tratto dall’album del 2000 “V”, dove il mitico Michael Romeo, guitar hero indiscutibile, da voce alla sua chitarra con ritmiche e soli micidiali, anche lui acclamatissimo da tutto l’Alcatraz. Quando parte “Nevermore”, tratto dall’ultimo album in studio dei SYMPHONY X “Underwold” del 2015, con il suo riff potentissimo e molto articolato, come tutta la struttura del brano, si leva un boato incredibile dalla platea e tutti che cantano il ritornello insieme a Russell. La voglia della band di dare il massimo per i fan italiani è davvero evidente, nessuno si risparmia, tutti si divertono, sul palco e in platea. Niente distrae questi musicisti straordinari dal loro compito, SPACCARE!!! Lo dimostrano con brani come “Domination”, “Run With The Devil” e quella che sembra essere la conclusiva “Set the World on Fire (The Lie of Lies)”. In verità il bello doveva ancora arrivare. Dopo una pausa abbastanza lunga, il quintetto americano torna sul palco per concludere il loro show con il loro brano capolavoro “The Odyssey”, super suite tratta dall’omonimo album del 2002. 25 minuti di epopea, che ha stupito ogni singola persona presente, tanto da far esclamare a molti: “Noooo…..la fanno”. Il pezzo, super complesso e bellissimo è stato il modo migliore per salutare tutti i fan accorsi al richiamo della super band SYMPHONY X. Se ve li siete persi, la prossima volta non mancate, lo spettacolo è assicurato!!!

SetList:

  1. Iconoclast
  2. Evolution (The Grand Design)
  3. Serpent’s Kiss
  4. Nevermore
  5. Without You
  6. Domination
  7. Run With the Devil
  8. Sea of Lies
  9. Set the World on Fire (The Lie of Lies)
  10. The Odyssey

SYMPHONY X LineUp:

  • Russell Allen – Vocals
  • Michael Romeo – Guitars
  • Michael LePond – Bass
  • Michael Pinnella – Keyboards
  • Jason Rullo – Drums

foto: Luna La Chimia


Share on

Current track

Title

Artist