AMBRIA METAL FESTIVAL – il Live Report

Written by on July 25, 2019

Share on

LIVE REPORT IN COLLABORAZIONE CON METALFORCE.IT

GRAVE DIGGER + DOMINE + WHITE SKULL + LIONSOUL + HEROES OF FORGOTTEN KINGDOMS
live @ Ambria Metal Festival, Zogno (BG)
– sabato 20 luglio 2019 –

Live Report by Mike Bertoli (Dj Mike)

Gallerie fotografiche a cura di Marco Brambilla (Metalforce)

Si ringrazia: Ambria Metal FestivalCerberus BookingSaverio MollicaRoberto Manenti

È stato un lungo viaggio arrivare in quel di Zogno (BG), ma ne è valsa assolutamente la pena. Il paese, dove a breve prenderà vita l’Ambria Metal Festival, è davvero bellissimo, immerso nel verde in una piccola vallata tra le montagne. C’è un aria fresca, pur essendoci un bel sole, che ti fa respirare bene. La location è bella e tutta coperta da un grande tetto, sorretto da impalcature ben salde e stabili. Abbiamo poi scoperto, Roberto ed io, che in questo posto viene fatto regolarmente il mercato coperto. Tutto è ben organizzato, come da consuetudine, quando ci sono di mezzo gli amici della Cerberus Booking!!!

HEROES OF FORGOTTEN KINGDOMS

Tocca ai giovanissimi HEROES OF FORGOTTEN KINGDOMS dare il calcio d’inizio a quella che si preannuncia una serata mitica. La band di Viterbo ci offre un Power Metal con influenze folk che fa saltare tutti i giovani presenti, mentre gli spettatori più maturi osservano tranquillamente la scena messa in piedi dai quattro personaggi. Le prime cose che saltano all’occhio è che non c’è un bassista, il basso è stato registrato su una base, e la presenza di un violinista, molto bravo. Ogni membro della band ha un suo costume particolare e una presenza altrettanto unica on stage. Gli HOFK sono precisi in ogni particolare, sfumatura, arrangiamento di ogni brano. Le potenzialità di crescita di questi ragazzi sono enormi, a partire dal livello compositivo, fino ad arrivare alla presenza scenica. Bravi, continuate così.

SetList:

  1. Intro / The Last Knight
  2. Power Of Magic
  3. Lord Of The Seas
  4. Path To Glory
  5. The Ancient Will Of The Profecy
  6. Dragons’ Awakening
  7. Dragonslayer

HEROES OF FORGOTTEN KINGDOMS LineUp:

  • Gennaro Cerra as Grodan – Guitar
  • Alessandro Mammola as Gildor – Guitar
  • Simone Borghetto as Argo Skia – Violin
  • Saylor Manca as Saylor – Voice

foto: Marco Brambilla

LIONSOUL

Arrivano i LIONSOUL a mettere a ferro e fuoco il palco dell’Ambria Metal Festival. Anche loro con le armature e costumi vari, ma il risultato musicale è completamente un altra cosa. Il loro Power Metal è potente e ben strutturato, la voce di Ivan spacca e il resto della band sono un tutt’uno con ritmiche forsennate e arrangiamenti sontuosi. “Welcome Storm (Eternal Quest)” ci squarcia senza pietà, pezzo di apertura bello diretto. Purtroppo la scaletta è molto breve, appena cinque brani, ma ci siamo comunque goduti a pieno la fantastica performance dei ragazzi di Bergamo. La conclusiva “Shadow Of The Black Horse” ci lascia belli carichi, in attesa della band successiva. Fantastici!!!

SetList:

  1. Welcome Storm (Eternal Quest)
  2. Lion’s Throne
  3. Next Genesis
  4. Iron Whispers
  5. Shadow Of The Black Horse

LIONSOUL LineUp:

  • Aurelio – Guitars, backing vocals
  • Ivan – Vocals
  • Nicolò – Drums
  • Pedro – Guitars
  • Jeff – Bass, backing vocals

foto: Marco Brambilla

WHITE SKULL

Tutti sono in trepida attesa, la band che sta per salire sul palco è una delle formazioni Power Metal più rappresentative del panorama musicale italiano. Stiamo parlando dei micidiali WHITE SKULL, band originaria di Vicenza, che entra in scena alla grande in questo Ambria Metal Festival, portando una novità, un chitarrista di nome Alessio Lambardi, che rimpiazzerà per le prossime date Danilo Bar. Il primo brano eseguito è “Embittered”, legnata colossale che fa capire subito il grande stato di forma della band. Federica, frontwoman instancabile ed eterna guerriera, ci investe con la sua voce graffiante. Tony, il nostro capitano, si abbatte su di noi con le sue ritmiche devastanti e, come sempre, ci incita fin da subito a farci sentire!!! Siamo tantissimi e il boato che ne esce è colossale. Ogni pezzo è una frustata, fino ad arrivare ad un brano a cui Federica tiene molto “I Am Your Queen” e ad uno dei miei pezzi preferiti, “Will Of The Strong”, con la sua partenza fulminante, dove Alessio, se non fosse già bastato fino ad adesso, da mostra della sua grande maestria, ed insieme ad Alexandros alle tastiere duettano sul tema del pezzo, come se fosse la cosa più semplice del mondo. Durante lo show Tony ci confessa che purtroppo Danilo non fa più parte della band, per suoi motivi personali e di lavoro. Per ora il sostituto è più che all’altezza, vedremo chi prenderà il posto di guitar hero in questa mitica formazione. Ci si avvia verso la fine del set ed arriva il mio brano preferito, “Red Devil” epico, cattivo, con un solo di chitarra straordinario, perfettamente eseguito da Alessio Lombardi. Il grande Jo Raddi, al basso, da grande sicurezza alla sezione ritmica, insieme ad Alex alla batteria. La conclusione del concerto poteva essere affidata solamente ad un brano, “Asgard”, intonato, come molti altri pezzi, da tutta la platea. Tony si arrampica fino alla cima di un’americana per incitare tutti a dare il massimo. Che show straordinario, MITICI!!!

SetList:

  1. Embittered
  2. The Killing Queen
  3. Tales From The North
  4. I Am Your Queen
  5. Will Of The Strong
  6. Kriemhild Story
  7. High Treason
  8. Red Devil
  9. Asgard

WHITE SKULL LineUp:

  • Tony Mad Fontò – Rhythm Guitar
  • Federica Sister – Vocals
  • Alessio Lombardi – Lead Guitar
  • Alex Mantiero – Drums
  • Jo Raddi – Bass Guitar
  • Alexandros Muscio – keyboards

foto: Marco Brambilla

DOMINE

È in arrivo un altra mitica band che ha dominato e continua a dominare gran parte della scena Metal italiana, stanno salendo sul palco i grandissimi DOMINE. “Thunderstorm” mette subito in risalto la grande forma di Morby, mitico frontman con la sua voce spaziale ed i suoi modi molto friendly di tenere il palco, cosa che funziona sempre alla grande!!! Lo show prosegue inarrestabile con grandissimi brani, fra cui: “The Aquilonia Suite”, “The Prince In The Scarlet Robe”, “Dragonlord (The Grand Master Of The Mightiest Beasts)”, quest’ultimo acclamato in modo molto entusiasta da tutti. In ogni brano Riccardo Paoli al basso e Stefano alla batteria, compongono una base ritmica invidiabile, piena di aggressività e potenza, non perdono un colpo e fanno in modo che Enrico alla chitarra e Riccardo alle tastiere, possano intrecciarsi come vogliono con le loro fantastiche melodie e soli epici. Lo spettacolo si conclude con due pezzi che non potevano mancare, “The Ride Of The Valkyries” e “Defenders”, anche questo pezzo di chiusura è stato cantato quasi interamente da tutta la platea. Come sempre, fenomenali!!!

SetList:

  1. Hymn / Thunderstorm
  2. The Hurricane Master
  3. The Aquilonia Suite
  4. The Prince In The Scarlet Robe
  5. Dragonlord (The Grand Master Of The Mightiest Beasts)
  6. The Ride Of The Valkyries
  7. Defenders

DOMINE LineUp:

  • Morby – Vocals
  • Riccardo Paoli – Bass
  • Enrico Paoli – Guitar
  • Riccardo Iacono – Keyboards
  • Stefano Bonini – Drums

foto: Marco Brambilla

GRAVE DIGGER

Ecco che arriva l’atto finale dell’Ambria Metal Festival, il momento che tutti aspettavano, l’ingresso sul palcoscenico dei grandissimi GRAVE DIGGER, band Power Metal tedesca attiva fin dal 1980, una vera leggenda. Forti della loro ultima fatica discografica, “The Living Dead” uscito nel settembre del 2018 per Napalm Records, Chris Boltendahl e soci partono subito alla grande, dopo un breve intro, con “Fear Of The Living Dead”, opener track dell’ultimo album, perfetta per dare il via ad un incredibile show. La folla è entusiasta, canta insieme alla band e poga su molti dei pezzi proposti. “Lionheart” arriva come un treno in corsa che ci investe a tutta velocità. Tutti cantiamo e ci divertiamo, saltiamo e ci godiamo questo grande spettacolo. Marcus alla batteria e Jens al basso scolpiscono e smussano ogni ritmica, Alex alla chitarra da energia e grinta ad ogni pezzo con riff megalitici e potenti. Tutti insieme danno vita alla musica leggendaria dei GRAVE DIGGER. Andando avanti con la scaletta si incontrano pezzi come: “The Dark Of The Sun”, “Call For War “, “Circle Of Witches” e la stupenda “Excalibur” che tutti attendevamo con ansia. Ci si avvia verso il gran finale con “Rebellion (The Clans Are Marching)” pezzo devastante e poi arrivano le conclusive “Healed By Metal” e “Heavy Metal Breakdown”, entrambe le canzoni cantate, praticamente per intero, da tutta la platea. I GRAVE DIGGER rimangono allibiti dal grande calore che la folla dell’Ambria Metal Fest ha donato loro, così si trattengono sul palco per un po’ per fare una foto di gruppo e ringraziare tutti per la splendida serata. Sono stati epocali!!!

SetList:

  1. Fear Of The Living Dead
  2. Tattooed Rider
  3. The Clans Will Rise Again
  4. Lionheart
  5. Lawbreaker
  6. The Bruce
  7. The Dark Of The Sun
  8. Call For War
  9. The Curse Of Jacques
  10. Season Of The Witch
  11. Highland Farewell
  12. Circle Of Witches
  13. Excalibur
  14. Rebellion (The Clans Are Marching)
  15. Healed By Metal
  16. Heavy Metal Breakdown

GRAVE DIGGER LineUp:

  • Chris “Reaper” Boltendahl – Vocals
  • Marcus Kniep – Drums
  • Jens Becker – Bass
  • Axel “Ironfinger” Ritt – Guitars

foto: Marco Brambilla


Share on

Current track

Title

Artist